More
    Eco World Tutela dell'ambiente Acqua del rubinetto: risorsa preziosa

    Acqua del rubinetto: risorsa preziosa

    Acqua del rubinetto o Acqua minerale in bottiglia?

    Si sa, l’acqua minerale imbottigliata è un grande classico sulle tavole degli italiani.
    L’acqua che elimina l’acqua, l’effervescenza naturale garantita dall’uccellino parlante sulla spalla del mitico Alex Del Piero, l’acqua con micro particelle di sodio in pena per la grande solitudine.

    Insomma acqua per tutti i gusti o più semplicemente, un business di miliardi basato su puro lavaggio del cervello grazie a un’operazione di marketing colossale e ben riuscita!

    Quello che vogliamo fare noi è unirci alla voce di chi tenta di aprire gli occhi a chi ancora crede alla purezza di queste acque “miracolose”, che inconsapevolmente alimenta un business davvero poco limpido.

    Secondo i dati forniti dall’inchiesta di Legambiente “Acque in bottiglia”, il cosiddetto business blu ha raggiunto cifre da capogiro, circa 10 miliardi l’anno!

    Gli unici a guadagnare però sono le aziende private che imbottigliano il bene più prezioso di questo mondo, pagando ridicoli canoni di circa 2 millesimi di euro al litro alle regioni in cui si trovano le sorgenti da cui viene estratta l’acqua minerale.
    Se pensiamo che in media un litro d’acqua imbottigliata viene venduta ad un prezzo che i consumatori pagano dai 10 ai 40 centesimi al litro, in base al brand, il profitto è davvero incredibile.

    acqua del rubinetto

    Perché gli Italiani preferiscono l’acqua minerale

    Ma da dove nasce questa enorme passione che fa dell’Italia la prima nazione in Europa e la terza al mondo per consumo di acqua in bottiglia?

    Sicuramente dal bombardamento mediatico sulla purezza dell’acqua che ci ha portati a immaginare che quest’acqua sgorghi da sorgenti purissime sui cocuzzoli delle nostre montagne e abbia dei poteri miracolosi.

    In realtà l’acqua oligominerale deve essere sì estratta da fonti protette e considerate incontaminate, ma ciò non indica che l’estrazione avvenga necessariamente da montagne, ghiacciai e sorgenti naturali. Spesso infatti l’acqua viene estratta dal sottosuolo, attraverso falde che possono trovarsi a varie profondità.

    A causa dell’inquinamento ai massimi livelli, la contaminazione delle falde più pure è sempre più a rischio, ma questo non ha condotto a un’intensificazione dei controlli.

    La legge prevede dei limiti di tollerabilità più elevati per inquinanti pericolosi come cadmio e arsenico, invece nichel e cromo trivalente possono anche non essere controllati.

    Perché non comprare acqua in bottiglie di plastica

    Le motivazioni del perché smettere di acquistare l’acqua in bottiglie di plastica sono davvero tante.

    Andiamo ad analizzare le due principali:

    • Ambientale: Stiamo parlando di 8 MILIARDI DI BOTTIGLIE ogni anno soltanto in Italia. Una cifra assurda, in costante crescita. Inutile dire che NON CE LO POSSIAMO più permettere!
      “Sì, ma le bottiglie riportano sull’etichetta la scritta PET 100% riciclabile”, diranno in molti.

    Beh certo!
    Eccovi subito due grandi “MA”:

    1. Solo una minima parte viene realmente riciclata, perché il processo di riciclaggio della plastica è molto complesso e anche molto costoso in termini economici e di impatto ambientale.
    2. Questa dicitura sulle etichette serve solo per dare un tocco green ad un mercato che inquina l’ambiente e che è totalmente E-VI-TA-BI-LE.

    Come

    Continuate a leggere!

    • Economico: Queste acque sono vendute come unguenti miracolosi e in effetti incidono sulle tasche degli italiani più dei trattamenti di bellezza.
      La media dell’acqua che consumiamo in un anno è di oltre 200 litri pro capite.
      Questo significa che una famiglia di 4 persone spenderà circa 400 € l’anno, acquisterà circa 1400 bottiglie di plastica e vi risparmiamo il conteggio dei KG di CO2 e di petrolio che vengono stimati per la produzione e il trasporto.

    Acqua del rubinetto contro acqua minerale

    “Sì ma io non mi fido dell’acqua del mio rubinetto”

    Circa il 50% della popolazione italiana non ripone fiducia nella cosiddetta “acqua del sindaco” e queste percentuali toccano punte del 70% in alcune regioni, specialmente al sud.

    Andiamo a capire perché e come migliorare il rapporto con questa risorsa preziosa che sgorga dai nostri rubinetti alla modicissima cifra di 0,0012€, una cifra circa 100 volte inferiore rispetto al litro d’acqua che compriamo al supermercato, che trasportiamo fino a casa e che ci fa inquinare il nostro pianeta.

    L’acqua dei nostri rubinetti può provenire da sorgenti ed essere equivalente alle caratteristiche organolettiche dei più blasonati marchi di acque minerali che sono sponsorizzate da super modelle o campioni vari.

    Viene controllata 4 volte l’anno e viene anche trattata per renderla sicura da possibili batteri.

    L’Italia è tristemente prima in Europa per consumo di acqua minerale in bottiglia, ma è anche paradossalmente prima per la qualità della rete idrica domestica.

    L’acqua imbottigliata invece viene controllata alla sorgente, prima dell’imbottigliamento, una sola volta l’anno, ma soprattutto è noto che l’acqua nelle bottiglie di plastica possa deteriorarsi e sviluppare colonie di batteri e microspore invisibili, ma dannosi.

    Spesso infatti, le bottiglie di acqua vengono esposte a lunghi tragitti, sotto i raggi del sole e stazionano nei magazzini dei supermercati per molto tempo.

    Purtroppo non è obbligatorio indicare la data di produzione, quindi non possiamo sapere da quanto tempo la bottiglia che acquistiamo sia nel mercato. E questo non è un bene, perché il consiglio è di consumare l’acqua entro tre mesi dall’imbottigliamento.

    Bere acqua del rubinetto: la soluzione migliore

    “Sì ma l’acqua imbottigliata ha un buon sapere, quella del rubinetto non mi piace”

    Percepiamo i vostri pensieri e le vostre perplessità, proprio perché facevano parte di noi.

    Ecco perché qui di seguito vi diamo dei consigli pratici per porre fine a questo enorme spreco dannoso per l’ambiente e per le vostre tasche.

    Se proprio non siete convinti all’idea di bere l’acqua domestica, potete chiedere informazioni in merito all’azienda erogatrice del vostro Comune.

    Se nonostante questo avete dubbi, Altroconsumo ha realizzato un progetto, We Test Water, che offre la possibilità di analizzare l’acqua.

    Sono stati già effettuati test in varie città. Collegatevi QUI https://wetestwater.altroconsumo.it/ per avere maggiori informazioni.

    Appena avrete un quadro completo sulla qualità dell’acqua di casa vostra, ecco qui alcuni strumenti utili che abbiamo selezionato per migliorarne il sapore e unire il gusto alla salvaguardia ambientale!

    Carbone Attivo Vibratis Binchotan

    filtro carbone attivo per acqua del rubinetto

    La soluzione più naturale per purificare l’acqua del rubinetto in caraffa, ci viene proposta dall’azienda Vibratis Green.

    Grazie ai 5 bastoncini presenti nella confezione avremo il filtraggio della nostra acqua di rubinetto per 10 mesi! Decisamente un risparmio per le nostre tasche e per l’ambiente!
    Il carbone è prodotto da una foresta di bambù gestita in modo responsabile e proprio questo tipo di carbone ha una produzione molto più sostenibile rispetto a quella del carbone vegetale di quercia.

    Quali sono gli effetti sull’acqua di casa nostra?

    Molto semplice! Il carbone attivo equilibra il ph dell’acqua e la arricchisce di minerali e preziosi oligo-elementi come magnesio, calcio e potassio!

    Filtro rubinetto xWater

    filtro rubinetto x water

    Uno dei migliori filtri purificanti in commercio!

    Progettato e realizzato totalmente in Italia, xWater riesce ad eliminare impurità e sostanze chimiche nocive presenti nell’acqua, rendendola sicura e potabile.

    Questo filtro lo trovi in vendita in un offerta multipack con 3 filtri ed è disponibile soltanto richiedendolo attraverso il modulo sulla pagina web specifica!

    Filtro acqua del rubinetto Tapp1

    filtro acqua del rubinetto tapp1

    Questo filtro grazie a vari strati di filtraggio permette di eliminare cloro, metalli pesanti e microplastiche, migliorando il gusto dell’acqua di casa. La sua cartuccia sostituibile garantisce la purificazione di 1500 litri d’acqua

    Filtro rubinetto Spardar

    filtro rubinetto spardar

    Questo filtro per rubinetto adotta la fibra di carbonio attivo e presenta un sistema di filtraggio particolarmente resistente dalla durata superiore che può essere ripristinato attraverso una pulizia accurata.

    Caraffa filtrante e Kit 6 filtri Laica

    caraffa filtrante e kit filtri laica

    La soluzione ottimale se si vuole evitare di installare filtri al proprio rubinetto o se si hanno dei rubinetti non compatibili ai filtri menzionati sopra.

    La caraffa migliora il gusto dell’acqua del rubinetto e ne riduce le sostanze più dannose, le cartucce hanno una durata di 150 litri, massimo 5 litri al giorno per 30 giorni. Trascorso il periodo di 30 giorni la cartuccia va necessariamente sostituita.

    Depuratore acqua casalingo

    Sui depuratori acqua domestici ci sono opinioni molto contrastanti. Andiamo a vedere perché e a fare un po’ di chiarezza. 

    I depuratori in questione sono considerati inutili perché l’acqua dei nostri rubinetti è già potabile e, in passato, sono scoppiate varie polemiche per le motivazioni date dai venditori che allarmavano i potenziali clienti sul fatto che l’acqua delle loro case fosse dannosa per la loro salute.

    In molti poi sostengono che i depuratori ad osmosi inversa, i più comuni, rendano l’acqua demineralizzata e quindi sostanzialmente pericolosa per il nostro organismo (non siamo lavatrici o ferri da stiro, il residuo fisso per noi umanoidi non è un problema, tranne in particolari casi).

    Il depuratore acqua domestico tuttavia non va demonizzato.

    Permette l’eliminazione delle impurità, delle microplastiche e degli elementi nocivi che possono essere presenti quali arsenico, cadmio, nickel, piombo, ecc. ed alcune tipologie hanno anche un mineralizzatore che reintegra i Sali minerali che possono essere eliminati con il processo di osmosi inversa.

    Eccone di seguito alcuni modelli molto apprezzati:

    Depuratore acqua a osmosi inversa

    depuratore a osmosi inversa

    L’apparecchio tramite una potente pompa consente la produzione di acqua purissima grazie agli stadi di filtrazione e alla membrana a osmosi inversa. L’acqua prodotta viene stoccata in un piccolo serbatoio per essere sempre disponibile. In fase di erogazione, è presente uno stadio che reintegra i sali minerali nelle giuste proporzioni.

    Smardy PRO Sistema Filtrazione Acqua

    sistema filtrazione acqua domestica smardy

    Con l’impianto di depurazione dell’acqua ad osmosi inversa Smardy PRO 190 si potrà sempre ottenere dell’acqua con un livello di purezza vicino al 100% priva di sostanze nocive quali:
    Calcare, batteri, virus, residui dei medicinali, nitrati, nitriti, pesticidi, uranio, alluminio, ammoniaca, cromo, cianuro, cadmio, manganese, rame, nickel e piombo.

    AEG depuratore a osmosi inversa

    depuratore aeg acqua del rubinetto

    L’osmosi AEG vi offre un’acqua buona da bere, ideale per preparare bibite calde e fredde, ma anche per cucinare e cuocere gli alimenti.
    Questo sistema di filtrazione dell’acqua tramite osmosi inversa riduce in modo significativo la maggior parte degli inquinanti, grazie ad un filtraggio ultra sottile (0,0001 micron).

    Casetta dell’acqua

    Se proprio non avete voglia di bere dal rubinetto e preferite avere l’acqua in bottiglia, recatevi presso la casetta dell’acqua più vicina con bottiglie in vetro o damigiane più capienti.

    Ormai quasi tutti i Comuni in Italia ne presentano almeno una. L’acqua è buonissima, super controllata e soprattutto i soldi arrivano alle nostre città ed evitiamo l’utilizzo sconsiderato di bottiglie di plastica.

    Il costo per litro varia da 0,01 cent a 0,10 cent al litro in base al tipo di acqua erogata, naturale temperatura ambiente, naturale refrigerata o naturale gasata.

    Beviamo bene, beviamo meglio e facciamo del bene a noi, alla nostra società, all’intero pianeta!

    Ogni goccia nell’oceano è importante!

    Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici!

    Hai dei commenti o delle informazioni da aggiungere?
    Scriviceli qui sotto!

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui